venerdì 16 ottobre 2009

Raimondo Mesiano non si merita l'aumento, porta calzini turchesi.

Che Mattino 5 sia l'apoteosi della tv spazzatura è cosa risaputa, almeno da chi guarda la televisione con occhio critico. Ma c'è spazzatura e spazzatura, dal vetro-plasitca-metalli alla carta, passando per l'umido ed il generico. Mattino 5 è spazzatura generica, qualunquista, terribilmente imbarazzante.
Il buon Brachino lancia il "servizio" informandoci che, con sotto mano il Giornale, Raimondo Mesiano, che ha condannato la Fininvest a risarcire il CIR di De Benedetti di 750 milioni di €, è stato promosso dal Csm con un aumento di stipendio. Cosa c'è di strano in tutto ciò? Viene lasciato intendere che la promozione sia frutto della sentenza sul Lodo Mondadori. Classica fallacia logica Post hoc ergo propter hoc, in quanto Mesiano è stato promosso per «indipendenza, imparzialità ed equilibrio» e anche da «capacità, laboriosità, diligenza e impegno dimostrati» nell'esercizio delle sue funzioni. Il provvedimento è retroattivo, visto che il riconoscimento decorre dal 13 maggio del 2008. C'è, inoltre, che di lui (Raimondo) non si conoscono sentenze se non quest'ultima, ma stravaganze in giro per Milano. Parte così il servizio (attenzione, contiene immagini esclusive) che tenta di screditare il magistrato, con un "azzeccatissimo" sottofondo di Can't stop dei RHCP.

Quali stranezze?
1) si cala nei panni di comune cittadino durante il week end
2) passeggia, attende il turno impazientemente dal barbiere, fuma, ignaro della promozione
3) va avanti e indietro e si rilassa seduto sul seggiolone del barbiere
4) continua la sua passeggiata e si sofferma due volte, al semaforo e a pochi metri dal passaggio pedonale
5) ma la stranezza più stranezza di tutte è il fatto che si siede su una panchina e che indossa camicia, pantalone blu, mocassino bianco e...udite udite, calzino turchese!

Come osi Raimondo? Calzini turchesi? Vergognati!

Ma non è finita. Si torna in studio e la parola passa ad Alessandro Sallusti. Raimondo Mesiano, ci viene detto, continua a rinviare le udienze di anno in anno, l'ultima, riguardante una causa iniziata nel 2006, viene rinviata al 2011: lite condominiale, il condomino del piano di sopra, a causa di una tubatura rotta, ha sporcato il soffitto del condomino del piano di sotto.
Effettivamente 5 anni per una tubatura rotta sono troppi, "stravaganza" forse un po' più grave dell'utilizzare i calzini turchesi. Sallusti tuttavia continua, citando un articolo di Zurlo del Giornale odierno, già anticipato nella puntata di ieri sera di AnnoZero come lo scoop del secolo. Era il 2006, Mesiano era al Ristorante ed ai tempi già aveva in mano il caso Fininvest VS Cir. Nel vedere alla Tv che Berlusconi è nei guai, brinda alle sue dimissioni.
Apriti cielo, che brutta cosa per un Magistrato avere idee politiche. Mi sorge però un dubbio: non può essere forse che questa voglia di dimissioni sia dovuta ad una deformazione professionale?

Tre anni più tardi arriva la sentenza che da una stangata da 750 milioni di € alla Fininvest. Questo non va giù a Zurlo, Sallusti & C: la sentenza di Mesiano è frutto non di una corretta analisi giudiziaria, ma delle sue idee politiche. Cioè i fatti che il Giudice Metta sia stato corrotto dagli avvocati di Berlusconi (condannati in definitiva) e che Berlusconi stesso non sia stato condannato per via della prescrizione, visti sotto una luce rossa comunista e anti-italiana, sembrano peggiori di quello che sono.