giovedì 30 luglio 2009

L'inchiesta di Bari ed i bilanci dei partiti di centrosinistra

Associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, alla concussione, al falso, alla truffa; per alcuni reati si ipotizza l'aggravante di aver favorito un'associazione mafiosa. Al centro dell'indagine anche l'ipotesi della contiguità tra un clan della criminalità barese e un partito politico.
Questi i reati ipotizzati dal pm Desirè Digeronimo che ha ordinato ai carabinieri di acquisire i bilanci di alcuni partiti politici del centrosinistra pugliese e la documentazione relativa ai loro rapporti con le banche. Pd, Prc, Socialisti autonomisti, Lista Emiliano e Sinistra e Libertà avrebbero fatto i furbetti, almeno dal 2005 fino ad oggi, con appalti per finanziare i partiti e voto di scambio (voti elettorali in cambio di alcune promesse).
Indagati risulterebbero una quindicina di persone, tra cui Alberto Tedesco, ex assessore regionale alla Sanità, dimessosi a causa dell'inchiesta il 6 Febbraio, ma ora senatore.

Fonte: Repubblica.it

Nessun commento:

Posta un commento