sabato 12 marzo 2011

Bradley Manning

Se vi state chiedendo chi sia, questo soldato americano, ex analista dei servizi segreti in istanza a Baghdad, è colui che ha denunciato i crimini di guerra americani in Iraq, passando a Julian Assange per il suo sito WikiLeaks il filmato dell'elicottero Usa che sparava su civili e giornalisti, Collateral Murder.
Manning ora è detenuto da sette mesi nella prigione della caserma dei Marines di Quantico, in Virginia, dove è sottoposto ad isolamento 23 ore su 24 in una cella senza finestre, con il divieto di fare esercizio fisico e con l'obbligo di dormire nudo. David House, l'unico che ha il permesso di fargli visita, ha dichiarato che Bradley è ormai in stato catattonico e con forti difficoltà a comunicare.

Giusto per, la Convenzione dell'Onu contro la tortura, all'articolo 1 e all'articolo 16 recita:
Art. 1:
1. For the purposes of this Convention, the term "torture" means any act by which severe pain or suffering, whether physical or mental, is intentionally inflicted on a person for such purposes as obtaining from him or a third person information or a confession, punishing him for an act he or a third person has committed or is suspected of having committed, or intimidating or coercing him or a third person, or for any reason based on discrimination of any kind, when such pain or suffering is inflicted by or at the instigation of or with the consent or acquiescence of a public official or other person acting in an official capacity. It does not include pain or suffering arising only from, inherent in or incidental to lawful sanctions.

2. This article is without prejudice to any international instrument or national legislation which does or may contain provisions of wider application.

Art. 16
1. Each State Party shall undertake to prevent in any territory under its jurisdiction other acts of cruel, inhuman or degrading treatment or punishment which do not amount to torture as defined in article I, when such acts are committed by or at the instigation of or with the consent or acquiescence of a public official or other person acting in an official capacity. In particular, the obligations contained in articles 10, 11, 12 and 13 shall apply with the substitution for references to torture of references to other forms of cruel, inhuman or degrading treatment or punishment.

2. The provisions of this Convention are without prejudice to the provisions of any other international instrument or national law which prohibits cruel, inhuman or degrading treatment or punishment or which relates to extradition or expulsion.
Tra i 22 capi di imputazione c'è l'accusa di avere "aiutato il nemico", crimine per il quale nei democratici Stati Uniti è prevista la pena di morte. Permettendo la pubblicazione on line del materiale consegnato ad Assange, secondo la Procura Militare di Washington, Manning avrebbe reso il materiale accessibile al "nemico" (chi sia questo nemico ancora non è dato sapersi).

I procuratori tuttavia ci tengono a precisare che non chiederanno per Manning la pena di morte, ma "solo" un ergastolo.

Qui troverete la campagna per liberazione del soldato Manning, il cui slogan è Denunciare un crimine di guerra non è un crimine.

Nessun commento:

Posta un commento