sabato 23 febbraio 2013

25milioni di elettori non sanno cosa votano

Domani si vota e come ogni volta, alla vigilia delle elezioni, nascono sondaggi e percentuali su tutto ciò che riguarda questo tema. Quello più sconcertante è che il 50% degli aventi diritto non è in grado di comprendere un testo scritto o un discorso. Questi moderni analfabeti fanno parte di quell'insieme di persone che, pur avendo variegati titoli di studio, dalla terza media alla laurea, hanno avuto tuttavia un'istruzione qualitativamente molto bassa.
Non si tratta di poveri che, non avendo soldi per accere al'istruzione, si ritrovano analfabeti. Sono persone di tutti i ceti che un'istruzione l'hanno sì avuta, raggiungendo anche traguardi, ma insufficiente.

 

L'allarme era già stato lanciato l'anno scorso dal linguista Tullio De Mauro, durante un convegno del Consiglio regionale toscano intitolato «Leggere e sapere: la scuola degli Italiani».
L'anno scorso il dato indicava che il 71% della popolazione italiana si trova al di sotto del livello minimo di comprensione nella lettura di un testo di media difficoltà. A ciò si aggiunge, di contraltare, che solo il 20% possiede quelle competenze minime necessarie a risolvere situazioni e problemi della vita sociale quotidiana per i quali serve un uso adeguato della lingua.
Ora si parla del 50% degli elettori. Ciò significa che domani alle urne circa 25milioni di Italiani voteranno senza avere compreso quale programma stanno votando e perché, basandosi solamente sulla simpatia emotiva verso questo o quel candidato. Il 50% degli elettori non sa quale sia il programma elettorale del PD o del PDL, non sa perché Grillo sia meglio di Ingroia o viceversa e non lo sa perché non ha gli strumenti per saperlo. Metà dei diritti al voto non ha, di fatto, una propria opinione degli argomenti su cui si discute in campagna elettorale o non ha modo di confrontarla con quelle presentate dei politici. Non ha dunque modo di decidere di conseguenza quale sia il candidato più vicino al suo modo di pensare e che può rappresentarlo.

Nessun commento:

Posta un commento